Lettori fissi

giovedì 7 febbraio 2013

Il brodo di carne fatto in casa

Lo scorso fine settimana gironzolando al supermercato ho visto 2 bellissime confezioni di quello che vendono sotto il nome di "ossa", alle quali di solito è attaccato poco o niente, e sevono per dare un pizzico di sapore in più al brodo fatto in casa. Ma questi erano proprio belli rossi, con pezzi di carne (di manzo) poco grassa attaccati, e l'etichetta diceva pure che erano consigliati per il lesso. Non ho potuto lasciarli lì, anche per il ridicolo prezzo. Ve lo dico? Sì, perché tanto non ci credereste: solo 75 centesimi di euro, per 4 bei pezzoni di osso con carne attaccata! Tanto è vero, che dopo averli usati io per il brodo, i miei genitori li hanno messi nel lesso/bollito, e ce ne era di roba attaccata da rosicchiare!


















Ingredienti (per 2 litri di brodo)
  • ossa per brodo, possibilmente con carne attaccata non grassissima
  • 1 cipolla
  • 1 porro piccolo
  • 1 gambo di sedano
  • prezzemolo fresco, le foglie senza gambi
  • 1 carota grossa
  • 2 pomodori
  • sale
  • 3 litri di acqua

Preparazione

Riempire una pentola con l'acqua e salarla.
A FREDDO, mettere le ossa, la cipolla tagliata in quarti o ottavi, il porro a rondelle larghe, il sedano a pezzi, le foglie di prezzemolo, la carota a pezzi e i pomodori in quarti.
Far sobbollire a lungo a fuoco lento, anche un paio di ore. La carne e le verdure si devono praticamente disciogliere nell'acqua e rilasciare tutte le loro sostanze nutritive.















Spegnere il fuoco e togliere per prime le ossa.















Poi, con l'aiuto di un colino a maglie fitte, filtrare il brodo per eliminare i resti delle verdure e i pezzetti di osso sbriciolato.















Lasciare raffreddare del tutto il brodo filtrato nella scodella prima di metterlo in un luogo freddo (frigorifero, o, di questi tempi, ve benissimo anche fuori, ci fa un freddo la notte!)















Tenerlo nel luogo freddo almeno tutta una notte per fare in modo che il grasso e l'unto del brodo (c'è, credetemi, si forma anche se la carne è senza un filo di grasso!) si raduni e rassodi tutto in superficie.















Guardate quanto ne ho tolto dal mio brodo, nonostante la carne attaccata alle ossa fosse magrissima:















Il brodo appare poi così, un'altra passatina con un colino a maglie fitte, ed è pronto per l'uso!















Minestre, zuppe, risotti, non avete che da sbizzarrirvi!
Io una parte l'ho usata per questa minestra di pollo (il petto di pollo lessato e poi frullato) al quale ho aggiunto: aneto in polvere (foglie), erba cipollina secca, semi di papavero e 1 cucchiaio di pesto fresco al basilico fatto da me. Deliziosa!















Buona giornata,
Sara

1 commento:

  1. Vado a leggere la ricetta degli sfingi... buon fine settimana1

    RispondiElimina