Lettori fissi

martedì 22 settembre 2015

Spaghetti con sugo e polpette

Nei weekend mi sbizzarrisco sempre in cucina, se non altro perché ho più tempo che durante la settimana, quando torno a casa ad orari scandalosi............
Come al solito ho trovato al supermercato di turno quello che vendono come ossa da brodo/schiene di pollo. Delle volte si fanno dei veri affari intanto per il prezzo irrisorio, dato che li vendono come scarti, e poi perché non è detto che siano proprio scarti. Infatti, ho comprato per meno di 40 centesmi 1/2 kg di presunte schiene di pollo e con un po' di pazienza ne ho ricavato 350 g di carne di pollo.
Certo, così sfilacciato e irregolare non potevo certo farci una bistecca, ma frullandolo, sono venure fuori delle deliziose polpettine, divorate poi dopo averle passate nel sugo insieme agli spaghetti di farina di grano saraceno. Slurp! Ancora mi sto leccando i baffi ^_^
























Ingredienti
  • 350 g di pollo ridotto in macinato
  • 1 uovo
  • 2 fette di pane dei toast senza la crostina di contorno
  • latte per ammollare il pane
  • pangrattato
  • 1 lattina di pelati
  • 1 cipolla rossa di Tropea
  • prezzemolo fresco tritato
  • sale rosa dell'Himalaya
  • peperoncino in polvere
  • olio extravergine di oliva
  • la vostra pasta preferita x 2 porzioni

Preparazione

Preparare delle polpette di pollo grosse come una noce amalgamando insieme il pollo macinato, l'uovo, il pane sbriciolato e ammollato nel latte, il prezzemolo e aggiustando secondo il vostro gusto di sale e pepe.
In base alla consistenza dell'impasto valutare se e quanto pangrattato aggiungere.

Piccolo consiglio:
Bagnare le mani con acqua aiuta a non far appiccicare l'impasto alle mani.

A me ne sono venute 17
Ma nel sugo ne sono arrivate di meno..... ¬_¬











Sapendo poi di doverle ripassare nel sugo della pasta, rosolare leggermente le polpettine in pochissimo olio extravergine di oliva, non devono cuocersi, ma fare appena appena un po' di crosticina.
Cercare di rosolarle su tutta la superficie, poche alla volta per evitare di bruciarle.
Io ho usato un wok ed è stato più facile per via della sue forma conica e arrotondata, le polpettine rotolano meglio.














Mentre le polpette si raffreddano (ma mi raccomando, non fate come me, che siccome avevano un odore moooooooooooolto invitante stavo per mangiarmele una dietro l'altra, come le ciliegie!) preparare il sugo per la pasta.

Affettare e rosolare la cipolla di Tropea in poco olio extravergine di oliva.
Mentre si rosola, io personalmente pulisco i pelati, ovvero tolgo gli eventuali pezzi di buccia e li privo del torsolo dalla parte dell'attaccatura alla pianta e le altre parti dure.

Rosolata la cipolla aggiungere i pelati e cominciare a far cuocere il sugo.
Io ho imparato ad aggiungere il sale solo alla fine; mi piace il sugo molto corposo e non liquido, mettendo il sale prima asciugandosi la parte liquida del gugo risulterebbe poi troppo salato. Provare per credere! :-p

Quando manca poco alla fine della cottura del sugo, cuocere la pasta scelta in acqua leggermente salata.

Versare poi le polpette nel sugo in modo tale che si insaporiscano per bene.














Mescolarle e coprirle di sugo. Non abbiate paura: avendole rosolate prima non si disferanno!














Scolare la pasta e condirla con il sugo suddividendo equamente le polpette tra i vari commensali.














Mescolare delicatamente e gustare subito! E vi vedo se rubacchiate le polpettine dai piatti degli altri! ^_^
Ah ah ah ah a hhaah hhaa ha ah ha














Sara

1 commento:

  1. che buono il sugo con le polpette...ottimo!!!!
    baci
    simona

    RispondiElimina